Pubblicato Mercoledì, 18 Gennaio 2012 16:00
Visite: 1441

 

Sebastiano RanfagniFin dai primi anni di vita Seba ,sempre piu’ alto e grande per la sua età,corre verso l’acqua attratto e per niente impaurito da questo elemento.


A 5 anni consegue Il suo primo brevetto Seepferdchen (cavalluccio marino) in Germania,durante una vacanza dai nonni, presso la piscina di Bruckmühl gestita dal signor Moritz


 

Sempre lo stesso anno inizia, con la sorella, a frequentare i corsi di nuoto alla piscina di S.Marcellino e ,di li a poco, entra a far parte della squadra agonistica. Le prime gare da esordiente B e poi due anni da esordiente A sotto la guida del mitico

Primo allenatore di Seba


RAFFAELLO BILLI, purtroppo scomparso.

“Devo al grandissimo Billi la passione per questo sport…fu lui che con 

lungimiranza mi pronosticò una carriera da dorsista!”

 
 

Con il passaggio alla categoria ragazzi inizia ad essere seguito da Fabrizio Verniani che lo accompagna fino alla categoria cadetti. E’ in questo periodo che Seba conquista i primi titoli italiani di categoria,“Ricordo ancora l’emozione per la prima volta al foro Italico….indimenticabile!”,e l’accesso alla Nazionale Giovanile.


L’esordio in Nazionale è con il prof.Coconi a Leon, successivamente il 5 nazioni a Metz dove, con tre gare individuali e una staffetta, fa incetta di medaglie d’oro. UN TRIONFO!


Nel 2003, sempre con la nazionale giovanile, agli Eurojunior a Glasgow un dimagrimento eccessivo compromette i risultati…ottiene infatti un ottavo posto individuale ed un quinto posto con la staffetta.


Questa esperienza rafforza la determinazione e la sete di risultati ed infatti la stagione successiva si apre col record italiano cadetti sui 200 dorso ad Imperia e, grazie a questo risultato, la convocazione per la coppa latina a Mar del Plata

Sebastiano Ranfagni

.


“L’esperienza in Argentina fu eccezionale…non solo per i due ori conquistati, ma soprattutto per la magnifica nazionale che vinse la coppa!”


Il passaggio a Sergio Pasquali come allenatore avviene con la fine del liceo scientifico, stagione agonistica 2004/2005, grazie alla possibilità di allenarsi due volte al giorno in acqua. Questa nuova fase richiede un lungo periodo d’adattamento, fatica e scarsi risultati in gara.




Il lavoro paga sempre, ed infatti nel 2006 a Pesaro Seba ottiene il suo primo titolo italiano assoluto. Questo è l’anno del trasferimento a Torino e del tesseramento come atleta de LA

PRESSE squadrone del presidente Marco Durante.


“Conservo un grande ricordo di tutti i compagni e tecnici de La Presse. L’esperienza di Torino, purtroppo chiusasi dopo un anno, è stata importante per la mia crescita personale e sportiva.”

Sebastiano Ranfagni la presse


Il rientro a Firenze dopo l’esperienza torinese è,per Seba e Sergio, piuttosto turbolento. La società per cui sono stati tesserati prima di Torino non vuole riaccoglierli ma, fortunatamente, la RARI NANTES FLORENTIA del presidente Pieri li include di buon grado in squadra.


Nello stesso anno, 2008 -anno delle olimpiadi di Pechino-, si presenta l’occasione di entrare nel gruppo sportivo dei carabinieri e rilevare il testimone di dorsista da Mirko Mazzari. Si tratta di un autentico bivio poiché il corso per entrare nell’arma interrompe di fatto la preparazione per le olimpiadi.


Seba entra nell’arma, non si qualifica per le olimpiadi, ma conclude la stagione a Spresiano con il titolo nei 200 dorso e il record italiano nella mista con i colleghi Vancini,Nalesso e Calvi.


La delusione per aver mancato l’appuntamento olimpico accende la voglia di riscatto che lo proietta in un 2009 ricco di soddisfazioni con il titolo italiano e l’argento ai giochi del Mediterraneo a Pescara garantendosi il pass per i mondiali di Roma.


“Quello di Roma ’09 è stato un evento grandioso. Arrivare a disputare la semifinale

 e confrontarmi con i vertici del nuoto mondiale,UN SOGNO!”
 
 
Sebastiano Ranfagni
 
La stagione 2009 si conclude con i mondiali militari a Montreal.


Il 2010 si apre con un settimo posto nella finale dei 200 dorso all’europeo in corta a Istambul. La stagione è però finalizzata per gli europei estivi a Budapest e,a tal proposito,Sergio Pasquali organizza,assieme alla Florentia una spedizione negli USA - a Charlotte, North Carolina - alla corte di David Marsh head coach della Swim Mac Carolina.


“Dopo il periodo interessantissimo e nuovissimo di allenamento a Charlotte, la possibilità di partecipare alla tappa del gran prix mi ha permesso di nuotare una finale 200 dorso con PERSOIL, PHELPS, LOCHTE, THOMAN conquistando.... l’ARGENTO!!!!”


La stagione 2010 prosegue con la vittoria del SETTE COLLI , il 5° posto (con record personale) nella finale europea di Budapest nei 200 dorso e i mondiali militari a Warendorf.


Il 2011 con i mondiali e le universiadi in Cina è storia recente e densa di soddisfazioni. Finale mondiale con uno splendido 7° posto e record italiano (senza costume in neoprene) detenuto fino a quel momento dal grandissimo MERISI.


Il 2012 si è aperto con la vittoria del titolo italiano nei 200 dorso e la conquista del PASS OLIMPICO….


Prossime avventure l’EUROPEO a Debrecen a fine maggio 2012 e l’OLIMPIADE a Londra a luglio!


Ma questa è una storia tutta da scrivere….